La pubblicità Apple di Natale 2018 è un capolavoro

 

Dura quasi 3 minuti, è un cortometraggio di animazione digitale davvero toccante ed è andata in onda per intero durante la finale dell’edizione 2018 di
X – Factor

 

Considerando la durata del prodotto in questione (2.52 minuti) si fa presto a capire che Apple, il colosso americano leader nell’innovazione tecnologica e in questo caso soprattutto nel marketing, non ha di certo tagliato i budget per sponsorizzare il proprio brand tramite la cara e vecchia pubblicità video. Ma non è solo la durata, difficilmente proponibile come spot nella maggior parte delle piattaforme disponibili, a rapire l’attenzione degli spettatori.

Il video

Share your gifts (è questo il titolo della pubblicità) possiede tutte le caratteristiche tipiche delle migliori pubblicità di natale, dalla classica feel experience finale ad una narrazione efficace che riesce a coinvolgere lo spettatore per tutta la durata del video. La trama parla di una ragazza con la passione per l’arte che, forse per timidezza, non sembra aver intenzione di mostrare al mondo, almeno fino a quando un colpo di vento apre una cassetta piena di fogli da lei realizzati, disperdendoli per tutta la città. Oltre all’animazione digitale degna di un film Pixar va sottolineato come anche la colonna sonora di Billie Eilish giochi un ruolo fondamentale nell’immergere lo spettatore nel mood “malinconico” ma piacevole del cortometraggio natalizio.

 

                           

 

Focus sul brand

Durante la visione della pubblicità non risulta a mio avviso semplice rendersi conto che si sta parlando direttamente di Apple, visto comunque il focus scarso sull’unico prodotto del brand presente nel video, un Macbook Pro, che si ritrova diversi adesivi attaccati sulla parte posteriore dello schermo,  tra cui uno appartenente addirittura ad un altro brand Americano (Supreme), posizionati intorno al simbolo del brand principale. Risulta quindi quasi ovvio che lo scopo della pubblicità Apple di natale 2018 potrebbe non essere quello di attirare l’attenzione direttamente sul brand,  ma piuttosto appassionare lo spettatore alla grafica ed allo storytelling del video per poi portare solo alla fine l’attenzione sul prodotto.

 

frame tratto dal video della pubblicità di natale Apple 2018

 

Distribuzione e numeri

Ma forse ciò che più mi ha colpito riguardo a questa pubblicità è stato il canale tramite il quale sono riuscito a vederla per la prima volta. Fermo restando che una pubblicità di 3 minuti non la ritengo visualizzabile tramite praticamente nessun canale, sapere che è stata proiettata per intero in televisione, su un canale del digitale terrestre, durante la finale in diretta di  X- Factor 2018 mi ha lasciato davvero a bocca aperta. 

Ma parliamo di numeri. Stando a quanto detto da Wired.it, una pubblicità trasmessa durante la finale di Sanremo può costare all’azienda che la propone più di 200mila euro per una durata di 15 secondi. Possiamo immaginare che la finale di X- Factor non produca lo stesso share, ma rendiamoci conto che la pubblicità Apple dura 10 volte di più rispetto all’esempio proposto qui sopra. Presto si fa a capire che Tim Cook e associati di certo non hanno freni nell’aprire i rubinetti quando si tratta di sponsorizzare il loro brand, a prescindere dai costi determinati da questo processo.


Articolo interessante?

Iscriviti alla nostra newsletter per restare sempre aggiornato!

 
 
 

Opinione sul target di riferimento principale

Anche se non palesemente, questa pubblicità Apple di Natale 2018 punta a mio avviso a targettizzare principalmente persone creative che amano la grafica, la fotografia e in generale le arti visive. E infatti risaputo che i prodotti Apple (Macbook in primis) si prestano egregiamente a lavori di questo tipo e che la maggior parte dei grafici si dimostra molto più propenso all’utilizzo di device di questo tipo rispetto a prodotti di alti marchi. Il protagonista del video è infatti palesemente un creativo: lo spot non centra un settore specifico ma da l’idea, dall’inizio alla fine, di quanto il personaggio sia un creatore, anche se forse le sue passioni non sono in linea con il mestiere che fa per guadagnare denaro. Il messaggio che ho interpretato io da questo spot è quindi quello che Apple sia un brand che produce prodotti realizzati in linea con le esigenze di tutte quelle persone che si sentono creative, a prescindere dal fatto che la creatività sia la base del loro lavoro o semplicemente una passione.

Conclusione

Non sono un cliente Apple ma ad essere obiettivi questa pubblicità di Natale mi è piaciuta davvero molto, facendomi capire ancora una volta chi resta il leader (per lo meno a livello di marketing e comunicazione) nel mondo della tecnologia. In questo settore credo che nessun altro brand sia disposto ad investire così tanto, senza l’utilizzo di promoter ed influencer, per colpire il pubblico prima di tutto a livello emotivo, senza focalizzarsi troppo sul prodotto e dando tutto questo spazio allo storytelling.

Sei interessato a scoprire la storia del più grande influencer per le festività natalizie? leggi l’articolo sulla storia di Babbo Natale!

 

Gianmarco Rizzo
Digital Marketing Specialist
Appassionato di comunicazione e nuovi media, laureato in Scienze della comunicazione e attualmente studente di Digital marketing presso Digital Coach. Gestisco un mio blog (ribro.it) ed offro consulenze marketing a terze parti
Gianmarco Rizzo on FacebookGianmarco Rizzo on Linkedin

Leave a Comment

Iscriviti alla newsletter!

entra a far parte della community di Ribro.it! Non inviamo più di due mail a settimana :)

Iscriviti!

Continuando la navigazione sul sito, accetti l'utilizzo dei cookies altre informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close